venerdì 5 giugno 2020

Diritti delle donne e libertà di stampa: Nouf Abdulaziz

Il 6 giugno del 2020 saranno due anni da quando Nouf Abdulaziz è stata incarcerata per aver denunciato i diritti delle donne, un arresto che i sostenitori della libertà di stampa affermano sia indicativo di come il governo saudita tratti la stampa, scrive Eric Neugeboren.

Abdulaziz, blogger ed editorialista che ha

contribuito a giornali tra cui Al-Sharq, è una delle quattro giornaliste – o forse più - incarcerate nel 2018 per le loro notizie e per aver sostenuto maggiori libertà per le donne e riforme costituzionali in Arabia Saudita, secondo il Comitato per la protezione dei giornalisti (CPJ).

Attualmente è sotto processo per "comunicare con entità straniere; reclutare impiegati statali per raccogliere informazioni riservate; fornire supporto finanziario a entità ostili all'estero".

"Perché la nostra patria è diventata così poco accogliente per noi? E perché sono considerata una nemica e una criminale che minaccia la sua sicurezza?" È ciò che Abdulaziz ha scritto in una lettera che ha chiesto agli amici di condividere in caso di arresto. "Non conosco alcun crimine che ho commesso se non quello che provo per ogni persona infelice e oppressa nella mia società."

I sostenitori della libertà di stampa affermano che la sua incarcerazione porti conseguenze pericolose per i diritti delle donne nel Regno.

L'Arabia Saudita è stata a lungo vista come poco accogliente nei confronti dei giornalisti indipendenti. Nel 2020 Press Freedom Index di Reporter senza frontiere, il Regno si è classificato 170esimo su 180 paesi...

Leggi anche Storie e Notizie

Nessun commento:

Posta un commento