martedì 7 aprile 2020

Uomini al volante sono più pericolosi delle donne

Contraddicendo il noto - e quanto mai abusato - detto, i guidatori maschi sono più pericolosi per gli altri utenti della strada rispetto alle loro controparti femminili, secondo un nuovo studio pubblicato lunedì.
Gli uomini hanno anche maggiori probabilità di guidare tipi di veicoli più pericolosi, secondo gli autori dello studio, i quali suggeriscono che un aumento dell'equità di genere in settori come i camion potrebbe ridurre i rischi per gli utenti della strada.
La ricerca è la prima nel suo genere ad analizzare il rischio rappresentato dall'uso di una determinata modalità di trasporto da parte di un individuo, hanno scritto i ricercatori in un comunicato

stampa.
Lo studio completo, il cui autore principale è Rachel Aldred della School of Architecture and Cities dell'Università di Westminster, è pubblicato sulla rivista Injury Prevention e utilizza quattro tipi di dati ufficiali per l'Inghilterra dal 2005 al 2015.
I ricercatori hanno esaminato sei tipi di veicoli - biciclette, automobili / taxi, furgoni, autobus, camion e motocicli - e hanno scoperto che gli uomini sono più pericolosi per gli altri utenti della strada in cinque delle sei categorie.
I conducenti di auto e furgoni maschi sono due volte più pericolosi per gli altri rispetto alle donne per chilometro.
Ciò è ancora più elevato tra i conducenti di camion, quattro volte, e i motociclisti maschi hanno rappresentato un rischio oltre 10 volte maggiore rispetto alle donne.
I ricercatori hanno chiesto a più donne di lavorare in posti di guida dominati dagli uomini al fine di ridurre i rischi per gli altri utenti della strada.
"Suggeriamo ai decisori politici di prendere in considerazione politiche per aumentare l'equilibrio di genere nelle professioni che implicano sostanzialmente la guida, data la maggiore probabilità che altri utenti della strada vengano uccisi se gli uomini invece delle donne sono alla guida", ha dichiarato il team nel comunicato stampa.

Leggi anche Storie e Notizie

Nessun commento:

Posta un commento