martedì 18 febbraio 2020

Parità di diritti tra donne e uomini nell'esercito

La corte suprema dell'India ha decretato che tutte le donne ufficiali dell'esercito sono ora ammissibili a commissioni permanenti, permettendo loro di avere ruoli di comando.

La sentenza significa che tutte le donne ufficiali saranno ora alla pari con gli uomini quando si tratta di promozioni, gradi, benefici e pensioni.

La Corte Suprema ha respinto la richiesta del governo di ribaltare l'ordine dell'alta corte di Delhi sulla stessa questione.

La sentenza è stata salutata come un "grande salto" verso la parità nell'esercito.

Molti ufficiali in servizio e pensionati avevano fatto una campagna per questo. Le donne al momento vengono introdotte nell'esercito attraverso la Short Service Commission (SSC) e non si qualificano per una commissione permanente, che consente a un ufficiale di svolgere un incarico a tempo pieno.

Quindi le donne sono inizialmente destinate a

servire per cinque anni, ma hanno la possibilità di estendere il loro mandato. Tuttavia, non ottengono gli stessi benefici delle loro controparti maschili.

Le uniche eccezioni sono le ali legali ed educative dell'esercito, in cui le donne ufficiali hanno diritto a commissioni permanenti dal 2008.

Lo scorso anno il governo ha accettato di dare commissioni permanenti alle donne, ma ha affermato che ciò si applicava solo a quegli ufficiali che avevano scontato meno di 14 anni, citando i limiti fisici delle donne anziane.

"Le contestazioni del governo federale in merito alla questione delle limitazioni fisiologiche e delle norme sociali per negare l'opportunità alle donne ufficiali sono inquietanti e non possono essere accettate", ha dichiarato il giudice DY Chandrachud leggendo il verdetto della corte.

Leggi anche Storie e Notizie

Nessun commento:

Posta un commento