martedì 25 febbraio 2020

Donne che comandano grandi navi

Le donne possono comandare i superyacht, sostiene una nuova campagna.

Le migliori donne veliste lanciano il loro impulso per aiutare le studentesse a scegliere le carriere che le porteranno al timone nel settore della vela.

Jenny Matthews e Natasha Ambrose si stanno

imbarcando in un insolito tour mondiale: incoraggiare le studentesse a considerare le carriere come capitane di superyacht.

Matthews e Ambrose, che sono entrambe i primi ufficiali sui superyacht, un ruolo che include il timone delle navi, hanno dichiarato di aver deciso di lanciare un programma dedicato a incoraggiare le donne a emergere dopo aver scoperto che oltre il 95% dei capitani e dei primi ufficiali di yacht erano uomini.

Matthews, 30 anni, ha dichiarato di aver deciso di iniziare la campagna She of the Sea perché “mi sono resa conto che negli otto anni di lavoro sul ponte, non avevo mai lavorato con un'altra donna tra il personale senior che guida la nave accanto al capitano”.

"Volevo sapere se c'erano altre donne ufficiali là fuori", ha aggiunto. "Ci è voluto molto tempo per trovare statistiche ufficiali, ma una ricerca dell'Agenzia marittima e della guardia costiera mostra che dal 2006 solo 60 donne si sono qualificate come marinai di alto livello su un totale di 1.210 persone. La nostra missione è di riscrivere la narrazione delle donne nel settore marittimo aumentandone la visibilità e la consapevolezza. "

Matthews, che viene dalla Nuova Zelanda e si è unita all'industria dei superyacht come hostess quando aveva 18 anni, ha dichiarato: "Devo essere sincera: è difficile trovare un lavoro, punto e basta. Questo settore è altamente competitivo con così tante persone che vogliono lavorarci. Ed essere una donna che vuole lavorare in un ruolo dominato dagli uomini può essere molto stimolante.”

Leggi anche Storie e Notizie

Nessun commento:

Posta un commento